Il ddl sulla green economy è legge

Quali norme prevede il ddl sulla green economy? Scopriamole insieme

WhatsApp Share

 

Il ddl sulla green economy diventa legge: ha ottenuto l'approvazione della Camera con 169 sì, 32 no e 11 astenuti. 'Per l'Italia è un importante passo avanti nella direzione dell'accordo raggiunto a Parigi e dell'impegno europeo verso l'economia circolare', ha affermato il ministro dell'Ambiente Gian Luca Galletti.

Si tratta di ben 79 articoli che contengono diverse misure per chi poco rispetta l'ambiente. Qualche esempio? Multe da 30 a 300 euro per chi getta mozziconi di sigarette o chewing gum o scontrini a terra, divieto di pignoramento per gli animali d'affezione, da compagnia o quelli utilizzati a fini terapeutici e assistenziali.

E ancora. Ci sono norme per favorire l'economia circolare, la riduzione dei rifiuti e le agevolazioni sulle tasse per i comuni virtuosi.

Ci sono articoli per l'infortunio in itinere per chi va al lavoro con la bicicletta, leggi che parlano di incentivi (35 milioni) per la mobilità sostenibile e di un fondo per la progettazione delle opere contro il dissesto idrogeologico.

La legge sulla green economy contiene norme per gli acquisti verdi nella PA, il sistema del 'vuoto a rendere'. E c'è anche la riforma dell'Enea (Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile) che chiude sei anni di commissariamento e avvia il rilancio, focalizzandosi su risparmio ed efficienza energetica.

 

'La legge di per sé non è in grado di recuperare tutto ciò che non è stato fatto nel corso degli anni ma credo che ci riallinei, con un'accelerazione importante, alla normativa europea più evoluta e può rappresentare un riferimento per imprese, cittadini, istituzioni, che scommettono su un'idea diversa di sviluppo', ha commentato l'ex ministro dell'Ambiente Andrea Orlando.

gc