Olio di pesce e polvere di mirtillo per il cervello

Consumare regolarmente entrambi i cibi aiuta a prevenire la demenza?

WhatsApp Share

I ricercatori della University of Cincinnati Academic Health Center hanno condotto un nuovo esperimento per determinare se consumare integratori di olio di pesce (omega 3) e mirtillo insieme possa causare miglioramenti significativi in termini di protezione del cervello.

Con uno studio a doppio cieco, randomizzato, controllato con placebo, hanno esaminato le persone di età compresa tra i 62 e gli 80 anni che avevano subito un lieve declino cognitivo dato dall'invecchiamento. Sono stati esclusi quelli che avevano ricevuto una diagnosi di demenza o altri tipi di deterioramento cognitivo.

Dopo 24 settimane, ai partecipanti venivano fatti esami del sangue, delle urine e test cognitivi. Il gruppo che aveva assunto olio di pesce e un placebo al posto dell'estratto di mirtillo e il gruppo che aveva assunto mirtilli con un placebo al posto dell'olio di pesce aveva una migliore risposta cognitiva. Il gruppo che aveva assunto mirtilli, inoltre, mostrava una memoria migliore.

Tuttavia, i ricercatori sono rimasti sorpresi nel constatare che i due ingredienti combinati non offrivano un effetto benefico particolare. Per questo hanno teorizzato che l'integrazione avrebbe potuto dare risultati misurabili solo su tempi più lunghi.

In ogni caso, questi due rimedi naturali assunti separatamente sono un toccasana per il nostro cervello.

Il succo di mirtillo migliora la funzione cerebrale degli anziani. Coloro che bevono il succo ogni giorno hanno un miglior flusso di sangue al cervello, una maggiore attivazione cerebrale durante i test cognitivi e una migliore funzione cognitiva generale, compresa la memoria di lavoro.

Anche i benefici forniti dall'olio di pesce sono documentati. Gli studi hanno dimostrato che gli integratori di olio di pesce possono aiutare le parti del cervello che sono utili per pensare e memorizzare. In uno studio, le persone che assumevano olio di pesce avevano cervelli più grandi, in particolare nella corteccia cerebrale e nell'ippocampo; un cervello più grande generalmente indica una migliore salute cognitiva, mentre la contrazione del cervello è stata collegata alla malattia di Alzheimer.