Agricoltura: ecco il drone contadino, per abbattere i costi di produzione

Condividi questo articolo:

 

Arriva il drone contadino he promette di monitorare i campi e di trattare in una sola ora fino a 10 ettari di terreno

Anche l’agricoltura diventa tecnologica, con i suoi pro ed i suoi contro. Arriva il ‘drone contadino’ che promette di monitorare i campi, di spargere concimi e fitofarmacie e di trattare in una sola ora fino a 10 ettari di terreno. Si abbattono i costi di produzione, vero, ma si abbatte anche la figura del contadino: non più braccianti a lavorare nei terreni, ma un drone a 5,5 chili che sorvola le coltivazioni e svolge compiti per i quali sono necessari decine di operai. L’idea arriva da Roma Drone Conference.

Il drone, Agrodron, vola a venti metri di altezza e ha un’autonomia di 20 minuti. Questo nuovo macchinario volante è stato messo a punto da due aziende italiane che lo hanno sperimentato su una coltivazione di mais da 200 ettari, nel mantovano. Con la tecnologia si è provato a combattere la piralide, il lepidottero killer che lo scorso ano ha distrutto il 30% delle coltivazioni. Il drone ha sparso su tutta la coltivazione circa 185mila uova di un insetto capace di contrastare il parassita dannoso per il mais, abbattendo il rischio piralide dell’80 per cento.

Quanto costa il drone contadino? I prezzi variano dai 2mila ai 20mila euro, in base al tipo e al numero di sensori montati sulla macchina.

gc

 

Questo articolo è stato letto 1 volte.

agricoltura, contadino, drine, drone contadino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net