Cibo, l'Italia si presenta in Russia e Germania

Il Ministero delle politiche agricole continua a puntare tutto sul made in Italy e sulla qualità Due importanti appuntamenti internazionali attenderanno il Ministro delle Politiche agricole, Saverio Romano, nel fine settimana: Russia e Germania, per pubblicizzare all’estero i prodotti di casa nostra


Tutto il mondo invidia l’Italia: dal punto di vista artistico, climatico, turistico, il nostro Paese non ha rivali nel panorama internazionale. Ma c’è una cosa che, ancor di più, rende il Belpaese inimitabile: la buona cucina. Se vai all’estero e dici Italia la mente va immediatamente alle tante prelibatezze che affollano le nostre tavole. Il cibo, così, è diventato il biglietto da visita privilegiato per presentarsi ovunque.

Il Ministero delle politiche agricole di questo è consapevole e sa metterlo in pratica. Si sono moltiplicati gli appuntamenti all’estero del Ministro Romano, sono diventate sempre più numerose le sue apparizioni a Fiere e convegno sull’alimentare, segno che il Mipaaf punta decisamente sul comparto per l’effetto traino che può avere sull’intera economia. Romano, fin dal suo insediamento a via XX settembre, ha insistito sui concetti di qualità e trasparenza che devono avere le produzioni “made in Italy”.

E la mossa è quella giusta. In questo fine settimana volerà a Mosca per incontrare il ministro russo dell’Agricoltura e non è difficile immaginare che al centro dei colloqui ci saranno anche accordi commerciali sull’alimentare. Il mercato russo, infatti, è da sempre molto attento alle proposte italiane e può essere effettivamente uno sbocco utile per far uscire diversi comparti agroalimentari dalle secche in cui si trovano. Il secondo appuntamento internazionale per Romano sarà sabato, alla Fiera di Anuga, a Colonia, l’appuntamento internazionale sugli alimenti e le bevande. Altra occasione, che Romano non si farà sfuggire, di pubblciizzare all’estero le eccellenze della nostra cucina.

Giacomo Gallo


 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER