Bambini di campagna VS bambini di città

Un nuovo studio dice che crescere in una fattoria migliora il sistema immunitario dei bambini

Vivere vicino agli animali da allevamento può avere un effetto benefico sul sistema immunitario, secondo una nuova ricerca della Ohio State University.

Uno studio pubblicato sulla rivista Frontiers in Immunology ha analizzato i batteri trovati nella materia fecale appartenente a dieci bambini dell'Ohio di età compresa tra i 6 e i 12 mesi, cinque dei quali erano Amish e vivevano in fattorie con bovini, cavalli e pecore, mentre gli altri cinque venivano da ambienti urbani senza esposizione al bestiame, anche se avevano cani o gatti come animali domestici.

I campioni fecali dei bambini Amish hanno rivelato comunità microbiche ricche e diverse con una maggiore variazione e abbondanza rispetto ai bambini residenti nelle città, una cosa che non sorprende particolarmente visto che anche ricerche precedenti avevano rivelato un migliore funzionamento del sistema immunitario, nonché una riduzione dei tassi di asma e allergie tra i bambini allevati in fattoria – grazie allo stile di vita meno «igienizzato».

Ma i ricercatori di questo studio hanno voluto fare un ulteriore passo avanti e vedere come il trapianto di questi batteri in maialini privi di germi avrebbe influenzato la funzione del loro sistema immunitario. Quindi hanno prelevato diversi campioni batterici dai bambini e li hanno miscelati al latte con cui hanno nutrito i maialini, rilevando un successivo sviluppo più robusto delle cellule immunitarie fondamentali per il funzionamento ottimale dei processi metabolici e per prevenire le malattie infettive.

Il risultato di questo studio non vuole dire che dovremmo far crescere tutti i bambini nelle fattorie, ma di certo suggerisce che dare priorità all'esposizione dei nostri figli all'ambiente naturale fin dalla più giovane età possibile è un gran bene.

 

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER