Arredamento, il tappeto ecologico fatto con le camere d’aria di biciclette

Condividi questo articolo:

Gli eco-tappeti Cyclo, realizzati con le camere d’aria di biciclette rottamate, sono prodotti che utilizzano materiali completamente riciclati

Per chi ha la passione dei tappeti ma non vuole rinunciare all’idea di impiegare dei materiali interamente ecologici per arredare la propria casa, può certamente prendere in considerazione l’idea di utilizzare gli eco-tappeti Cyclo. Presentati lo scorso aprile al FuoriSalone di Milano 2012, questi tappeti dal design accattivante, sono stati realizzati dall’azienda belga Papilio, che ha adoperato come materiale riciclato ecosostenibile, le camere d’aria di biciclette ‘rottamate’. Il processo di lavorazione per la creazione del tappeto ecologico è molto semplice: le gomme delle bici vengono prima tagliate e poi intrecciate a mano e assemblate in una struttura tessuta, senza l’utilizzo di prodotti chimici o di finitura. 

Il tappeto ecologico Cyclo, è inoltre resistente all’acqua e ai raggi UV del sole, per cui può essere tranquillamente posizionato negli ambienti esterni di casa, come giardini e verande, senza la preoccupazione di eventuali scolorimenti nel tessuto.

Il tappeto ecologico Cyclo, oltre ad avere vinto nel 2011 il Reddot Design Award, il prestigioso premio che ogni anno viene conferito a nuovi prodotti di design, viene considerato, ad oggi, come il capostipite di una nuova collezione di tappeti “progettati” per il rispetto dell’ambiente mediante il riciclo di materiali usati.

(ml)

Questo articolo è stato letto 4 volte.

arredamento casa, arredamento ecologico, casa, tappeto casa, tappeto ecologico, tappeto ecologico camere d’aria di biciclette

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecoseven è un prodotto di Ecomedianet S.r.l. Direzione e redazione: Lungotevere dei Mellini n. 44 - 00193 Roma
Registrazione presso il Tribunale di Roma n° 482/2010 del 31/12/2010. Direttore responsabile: Cecilia Maria Ferraro redazione@ecoseven.net