Come evitare i bambini in aereo?

La compagnia Japanese Airline trova una soluzione per chi non vuole volare seduto vicino a dei bambini

A chi non è capitato di fare un viaggio in aereo, magari anche lungo, con un bambino che piange al sedile di fianco o alla fila subito davanti? Ovviamente, non è colpa del bambino, non è colpa di nessuno, ma questo non toglie che sia davvero complesso affrontare una situazione del genere.

Per trovare un modo di gestire la questione, la compagnia aerea Japan Airlines ha introdotto un nuovo strumento nelle sue prenotazioni, che permetterà ai clienti di scegliere quanto e come allontanarsi dalla possibilità del pianto di un bambino con cui si condivide il volo. Infatti, i bambini di età compresa tra gli 8 giorni e i due anni che verranno prenotati sul volo verranno segnalati sulla mappa di selezione dei posti con un'icona specifica e riconoscibile, in modo che durante la prenotazione sul sito web della compagnia sarà possibile muoversi di conseguenza.

Purtroppo questo nuova opzione ha delle limitazioni: funziona solo al momento della prenotazione tramite il sito web di Japan Airlines. I neonati prenotati tramite altri siti non verranno visualizzati come neonati. E una volta che si sarà prenotato il volo, non c'è alcuna garanzia che il genitore di un bambino che piange non si troverà comunque in un posto vicino, avendo prenotato dopo o con una modalità diversa.

Di certo, però, c'è che i genitori e i bambini avranno un trattamento speciale, fatto di possibilità di riscaldare i biberon con l'acqua calda, passeggini a noleggio, strutture per il cambio del pannolino a bordo e la possibilità d'imbarcare i passeggini gratuitamente. In questo modo si cerca di migliorare l'esperienza di viaggio per loro e per tutti.

 

 

.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER